dopo la tempesta all'orizzonte si profila il sereno
dopo il danno il giusto risarcimento

Igiene -> Cocci di bottiglia e rischio hiv

20/09/2012 - 00239 bb

Le racconto un'esperienza capitatami tempo fa: quest'estate su un viale cittadino gremito di gente e poco illuminato in virtù di una manifestazione pirotecnica che stava avendo luogo, mentre camminavo tra la folla ho avvertito sotto la suola della scarpe di camminare su del materiale che ho presunto fossero cocci di bottiglia. 

Li per lì non vi ho prestato attenzione ed ho continuato a camminare. 

Dopo diversi passi ho iniziato ad avvertire un fastidio come di una puntura sotto il piede sinistro. 

Dopo qualche ora tornato a casa ho controllato il piede: la pelle si presentava un po' arrossata nel punto in cui avevo avvertito il dolore ma non c'erano tracce visibili di sangue. 

Per precauzione ho controllato anche sotto la suola delle scarpe, ma non mi è parso di vedere squarci o buchi, almeno non facilmente visibili ad occhio nudo. 

Crede che possa avere rischiato qualcosa se per estrema ipotesi su quei presunti cocci avesse camminato poco prima di me una persona sieropositiva ferendosi? 

Razionalmente mi verrebbe da dire che non ho corso rischi, ma sentire il parere di un esperto è meglio.

22/09/2012

Mario Corcelli risponde: a 00239 bb

Troppe ipotesi estreme le sue; è più facile vincere 50 milioni all'enalotto che infettarsi di HIV con quella dinamica.

Per inviare una domanda è necessario effettuare il

Non sei ancora registrato su www.medico-legale.it? clicca QUI

Login