dopo la tempesta all'orizzonte si profila il sereno
dopo il danno il giusto risarcimento

Medicina legale -> Invalidità da 100% a 50%

02/04/2012 - 00107 fmilli67

Gent. dottore, nel 2009 ho subìto una quadrantectomia alla mammella sx piu' svuotamento del cavo ascellare, poi chemio, radioterapia ed infine (lo spero), mastectomia perche' cellule in situ ancora presenti (mammella sx).

Mi e' stata riconosciuta l'invalidita' al 100% per due anni, ma dopo un anno e mezzo sono stata convocata a controllo a visita dall'inps.

Ho fatto presente alla visita che ero (e lo sono tutt'ora),in fase di ricostruzione, perche' ho scelto un metodo piu' lungo ma piu' naturale (lipofilling): mi reco ogni 5 mesi all'irccs di xx e dal 100% che avevo mi hanno riconosciuto il 50%.

Ora io mi chiedo se questa percentuale e' consona a tutto quello che ho subìto.

10/04/2012

Mario Corcelli risponde: a 00107 fmilli67

Nei casi di cancro della mammella viene riconosciuta una invalidità del 100% fino a quando non si abbia la certezza che la neoplasia non possa recidivare.

Forse nel suo caso la riduzione del grado di invalidità è avvenuta troppo presto, perché sarebbe stato più opportuno attendere ancora almeno altri due anni.

Purtroppo, avverso la decisione dell'INPS, è possibile soltanto un ricorso giudiziario, che può valutare rivolgendosi ad un Patronato, il quel le darebbe una consulenza medico-legale e, se del caso anche legale, gratuita.

Per inviare una domanda è necessario effettuare il

Non sei ancora registrato su www.medico-legale.it? clicca QUI

Login