dopo la tempesta all'orizzonte si profila il sereno
dopo il danno il giusto risarcimento

Medicina legale -> Aggravamento percentuale invalidità civile

18/10/2011 - 000007 fabio

Nel 1997, per un incidente durante il servizio militare, ho subito un intervento per ernia del disco L4-L5 con stenosi del canale. 

Dopo questo intervento mi hanno consigliato di fare la domanda per un punteggio di invalidità civile ed ottenni il 46%. 

Nel 2007 ho subito un nuovo intervento per stabilizzazione dell'ernia operata ma, purtroppo, il problema non si è risolto. 

Anche per questo intervento il mio medico mi consigliò di fare la domanda di aggravamento e cosi feci. 

La commissione mi chiamò a visita e mi prese tutta la documentazione e andai via. Neanche dopo cinque minuti ricevetti una telefonata: Signor Muntoni? Si, siamo della commissione medica! Potrebbe tornare indietro per questioni che la riguardano? Si sto arrivando...Mi dissero di sedermi e mi chiesero: ma ci scusi chi la mandata da noi? Risposi il mio medico, perché? Le dica al suo medico che si informi bene prima di mandare i propri pazienti da noi!!! Secondo le leggi attuali lei perderebbe il diritto del 46% e andrebbe a 35% perché secondo noi non c'è aggravamento. Noi le diamo questo foglio dove le chiediamo di portarci, entro 60 giorni, una perizia ortopedica che attesti l'aggravamento... E' ovvio che lei questo documento non dovrà spedircelo e conseguentemente la sua richiesta decadrà, salvandosi il 46%. 

Io oggi vi chiedo, ma come è possibile che questa gente mi abbia così impaurito da darli retta!!! Se io sto sempre più male e ho subito un altro intervento e ne dovrò subire un altro per l’infortunio avvenuto ultimamente, come si può dire che non c'è aggravamento? Vi prego datemi una risposta. Mi converrà chiedere l’aggravamento? 

 

Quanto alla sua risposta al mio precedente quesito "000005 fabio" riguardo alle RM, possiedo una del marzo 2005, una del settembre 2007 e una dell'aprile 2011; l'intervento l'ho fatto nel maggio 2007; è possibile un raffronto?

18/10/2011

Mario Corcelli risponde: a 000007 fabio

Non so perché la Commissione si sia comportata in quel modo, dato che la sua patologia al massimo può restare stazionaria ma non migliorare. Comunque, se ha già un lavoro, non so a cosa le serva avere il 46% piuttosto che il 35%; il 46% le consentirebbe soltanto, in caso di perdita del posto di lavoro, di essere iscritto nelle liste protette.

Per la sua patologia, comunque, non le consiglio di chiedere un aggravamento nell'ambito dell'invalidità civile, dato il rischio di vedersi ridurre la percentuale d'invalidità.

 

Quanto al raffronto tra le RM, è sicuramente possibile, ma deve consultare un medico-legale che, dopo essersi consultato con un radiologo, la saprà consigliare al meglio se insistere con l'INAIL per il riconoscimento di una concausa.

Per inviare una domanda è necessario effettuare il

Non sei ancora registrato su www.medico-legale.it? clicca QUI

Login